Posts in Cucina Tipica Salentina

pasticciotto-day-Lecce-2024

Pasticciotto Day 2024: una festa per le papille gustative

Giugno 3rd, 2024 Posted by Cucina Tipica Salentina, eventi 0 thoughts on “Pasticciotto Day 2024: una festa per le papille gustative”

Il 5 giugno 2024, Lecce si prepara a celebrare la quarta edizione del Pasticciotto Day, un evento dedicato al dolce simbolo del Salento. Questa giornata speciale è l’occasione perfetta per esplorare il Salento e immergersi nella sua ricca tradizione culinaria dolciaria e no.

 

Le origini del Pasticciotto Day

Il Pasticciotto Day è stato istituito nel giugno del 2020 per celebrare e promuovere le eccellenze dolciarie del Salento. Ogni anno, nello stesso mese, questa ricorrenza offre l’opportunità di gustare il famoso pasticciotto, preparato secondo la tradizione. Quest’anno oltre cento pasticcerie parteciperanno all’evento, offrendo il dolce a un prezzo speciale.

Gli eventi in programma

Durante il Pasticciotto Day, Piazza Mazzini diventa il fulcro delle celebrazioni. La piazza si trasforma in un laboratorio a cielo aperto, dove i migliori maestri pasticcieri del Salento, e a livello internazionale, mostrano le tecniche di preparazione del pasticciotto, servito rigorosamente caldo. I visitatori possono così assistere dal vivo alla creazione e apprezzarne la bontà appena sfornato.

Ma non è tutto, oltre al pasticciotto, si potranno gustare altre specialità dolciarie locali. Il percorso espositivo e degustativo offre una panoramica completa delle prelibatezze del Salento, garantendo un’esperienza gastronomica unica.

Pasticciotto Photo Contest

Una delle attrazioni di questa giornata è il Pasticciotto Day Photo Contest. Questo concorso fotografico invita appassionati e professionisti a immortalare il pasticciotto in scenari creativi che rappresentino il Salento. Le foto più votate sui social media saranno esposte in una mostra, offrendo visibilità e celebrando la bellezza del territorio.

 

Tra un pasticciotto e l’altro, potrai pranzare o cenare nel nostro ristorante, dove Chef Totu sarà lieto di accoglierti con piatti tipici.

Dunque, tutti pronti per questa giornata speciale all’insegna della tradizione culinaria salentina?

Ti aspettiamo in Viale F. Lo Re, 9, Lecce.

 

cummarazzi-coltivazione-e-raccolta

Coltivazione e raccolta dei cummarazzi salentini

Maggio 16th, 2024 Posted by Cucina Tipica Salentina, Tradizioni salentine 0 thoughts on “Coltivazione e raccolta dei cummarazzi salentini”

Il Salento, con i suoi paesaggi incantevoli e la cucina ricca di sapori, è famosa per molte specialità, tra cui i cummarazzi. Questi frutti, anche conosciuti come caroselli, sono strettamente legati alla cultura agricola della regione e rappresentano un’autentica specialità del posto.

Che cosa sono i cummarazzi leccesi e come coltivarli

I cummarazzi sono una varietà di meloni, più precisamente meloni immaturi, che vengono raccolti e consumati quando sono ancora piccoli. A differenza dei meloni tradizionali, questi frutti non sono particolarmente dolci, ma hanno una consistenza croccante e un sapore delicato. Sono molto apprezzati in Puglia e nel periodo più caldo sono l’ingrediente principale con cui preparare insalate fresche e veloci.

La coltivazione dei caroselli salentini è relativamente semplice, soprattutto in un clima caldo e soleggiato come quello del territorio. Ecco i passaggi principali per coltivare con successo questi frutti:

  1. Selezione del terreno

Scegli un terreno ben drenato e ricco di sostanze nutritive e assicurati che abbia una buona esposizione al sole.  I cummarazzi leccesi preferiscono un suolo sabbioso o leggermente argilloso.

  1. Semina

I semi dei cummarazzi possono essere piantati direttamente nel terreno quando la temperatura è costantemente sopra i 15°-18°. Assicurati di seminare a una profondità di circa 2-3 cm e lascia una distanza adeguata tra le piante, solitamente intorno a 60-80 cm.

  1. Irrigazione e cura

Mantieni il terreno costantemente umido, ma non troppo bagnato. L’irrigazione regolare è importante per garantire una crescita sana delle piante. Inoltre, controlla la presenza di erbacce e parassiti, e utilizza metodi biologici per tenerli sotto controllo.

  1. Crescita e sostegno

Le piante dei caroselli possono crescere abbastanza rapidamente e richiedono sostegno. Puoi utilizzare graticci o supporti verticali per favorire la crescita delle viti.

Raccolta dei cummarazzi leccesi

La raccolta poi avviene quando i frutti raggiungono una dimensione di circa 5-10 cm. A differenza dei meloni maturi, non bisogna aspettare che diventino dolci. In effetti, il gusto dei cummarazzi è migliore quando sono ancora giovani e croccanti.

Raccogli i frutti con cura, evitando di danneggiare le piante. Utilizza un coltello o delle forbici da giardinaggio per tagliare il frutto dal ramo principale. I cummarazzi possono essere conservati in frigorifero per alcuni giorni, ma è meglio consumarli freschi per mantenere la loro croccantezza.

Come utilizzare i cummarazzi in cucina

Una volta raccolti, i cummarazzi sono l’ingrediente principale per preparare un’insalata fresca e adatta alla stagione più calda. Infatti inizia il periodo della Grika salentina, che unisce altri ingredienti freschi come i pomodori, i peperoni, la cipolla bianca, acciughe e olive e condita con olio Evo, sale e origano.

 

La coltivazione e la raccolta dei cummarazzi sono un’attività gratificante che consente di godere di un prodotto tipico della tradizione pugliese. Con pochi passaggi e un po’ di cura, è possibile coltivare questi frutti anche nel proprio giardino, provaci.

Nel frattempo di aspettiamo nel nostro ristorante La Vecchia Osteria.

come preparare una maritata con le verdure della primavera

La maritata: una ricetta dai sapori primaverili

Aprile 19th, 2024 Posted by Cucina Tipica Salentina 0 thoughts on “La maritata: una ricetta dai sapori primaverili”

Non sarebbe primavera senza l’ampia varietà di ortaggi e frutta che la natura regala in questo periodo, con cui ricreare delle gustosissime ricette. Nel Salento, ad esempio è possibile racchiuderne una grande scelta in un unico primo piatto: la maritata.  Buona e dalle proprietà benefiche all’organismo, non resta che scoprirne i dettagli.

Un piatto salentino primaverile: la maritata

Dall’abbondante varietà di verdure a disposizione in questo periodo dell’anno nasce la maritata, un primo ricco e gustoso. È uno piatto che combina verdure come: cicoria, scarola, sedano e finocchi e viene arricchito da un tocco di sapore con la pancetta e il pecorino. La ricetta si presta perfettamente per essere un pranzo sfizioso. Perfetto anche nelle giornate primaverili più fresche.

Preparazione

La preparazione di questa prelibatezza inizia con il mondare e sbollentare le verdure di stagione. Una volta pronte vengono disposte a strati in una pirofila da forno unta, alternando strati di verdure, pancetta rosolata e pecorino grattugiato. Fatto ciò è giunto il momento di cuocere la marinata in forno finché la dose superiore di formaggio non avrà creato una crosticina dorata e croccante, che aggiunge un tocco irresistibile al piatto.

Un altro fattore a favore di questa ricetta è sicuramente la sua versatilità di preparazione che non richiede per forza il forno, ma può essere preparata anche in padella con l’aggiunta di un filo di olio extravergine di oliva. Inoltre puoi personalizzarla in base ai tuoi gusti, aggiungendo o sostituendo la verdura che più ti piace, sempre di stagione o puoi sostituire la pancetta con la salsiccia ad esempio e il pecorino con il parmigiano.

Procedimento per quattro persone

  1. Monda le verdure: 600g di cicoria, 500g di scarola, 250 g di sedano e 250 g di finocchio;
  2. Sciacqua abbondantemente le foglie e scolale per ciascun tipo di verdura alla volta;
  3. Sbollenta ogni verdura in acqua finché sarà cotta ma ancora al dente;
  4. Rosola 100g di pancetta a cubetti in una pentola ben calda e aggiungi il brodo di carne;
  5. Ungi una pirofila da forno per 4 persone.
  6. Distribuisci le verdure a strati.
  7. Condisci ogni strato con sale, pepe, abbondante pecorino e qualche cucchiaio di brodo con la pancetta.
  8. Cuoci in forno statico preriscaldato a 180°C per circa 20 minuti.
  9. Sforna e lascia intiepidire qualche minuto prima di servire.

 

Prova a ricreare la maritata e invita i tuoi cari a pranzo. Se invece vuoi assaggiare altre ricette della tradizione salentina preparate direttamente da Chef Totu, vieni ne La Vecchia Osteria in Viale Lo Re.

picnic-di-Pasquetta-Salento

Picnic di Pasquetta, come festeggiare con gusto

Marzo 21st, 2024 Posted by Cucina Tipica Salentina, Tradizioni salentine 0 thoughts on “Picnic di Pasquetta, come festeggiare con gusto”

Il giorno di Pasquetta è un’occasione per stare all’aperto in compagnia di amici e familiari. Immersi nella natura è un vero piacere condividere un pasto in totale serenità. Per questo oggi abbiamo pensato di suggerirvi alcune ricette per un perfetto picnic di Pasquetta, all’insegna delle tradizioni culinarie salentine.

 

  1. Picnic di Pasquetta? Il rustico è immancabile

Icona del Salento, il rustico non può mancare nel picnic di Pasquetta. Si tratta di un disco di pasta sfoglia farcito con besciamella, mozzarella, pomodoro e pepe. È una vera sorpresa ad ogni morso, sia per l’esplosione di sapori che per le varie consistenze dell’impasto e della farcitura.

Inoltre, il rustico leccese è pratico da mangiare e questo è fondamentale per un picnic doc.

  1. Panzerotti e polpettine fritte

La combo di panzerotti salentini e polpettine fritte darà uno sprint al tuo picnic. Anche in questo caso la comodità fa da padrona. I panzerotti salentini (piccole crocchette di patate) e le polpettine di carne si gustano in un solo boccone. La frittura è sempre un’arma vincente quando si parla di pasti festivi, ma richiede un unico imperativo: non dimenticare di portare con te i tovaglioli.

  1. Puccia pugliese

Le pucce sono panini morbidi e rotondi, tipici del Salento, perfetti per il picnic di Pasquetta in compagnia di amici e parenti, perché ognuno potrà farcirle in base ai propri gusti.

Oggi ti consigliamo tre modi per condirle:

  1. Puccia con verdure grigliate, pomodoro e provolone;
  2. Puccia con prosciutto crudo, rucola e burrata;
  3. Puccia con tonno, capperi e pomodori secchi.

Per i più piccoli invece, la puccia diventa il panino perfetto da farcire con la classica cotoletta panata e le patatine fritte.

  1. Pitta di patate

Un’altra ricetta sfiziosa con cui vivere il tuo picnic salentino è la pitta di patate. Uno sformato di patate farcito al centro con prosciutto cotto, olive, cipolla e pomodoro. È perfetto per l’occasione perché ti basterà porzionare la pitta in quadrati in modo che ognuno abbia il suo, ma non dimenticarti di prevedere una porzione anche per il bis.

  1. Il dolce pasquale salentino: la Cuddhura

Per il dolce non ci sono dubbi, la Cuddhura è l’ideale per concludere il picnic pasquale.  Si tratta di un biscotto intrecciato, a volte dalle forme differenti (come una colomba o un coniglio) con al centro un uovo sodo. La parte più divertente è che potrai prepararla il giorno prima in compagnia dei più piccoli, sarà un’ottima occasione per farli approcciare alla tradizione.

Cuddhura-dolce-salentino-per-il-picnic-di-Pasquetta

Le idee su come deliziarti con ricette della tradizione non mancano, ora non ti resta che scegliere uno tra i numerosi angoli di natura che il Salento regala per festeggiare al meglio.

Buon appetito e buona Pasquetta!

La zuppa di pesce salentina, origine e preparazione de “Lu Quataru”

Marzo 21st, 2024 Posted by Cucina Tipica Salentina, Curiosità 0 thoughts on “La zuppa di pesce salentina, origine e preparazione de “Lu Quataru””

Terra fra due mari, il Salento vanta di un’ampia varietà di pesce con cui preparare ricette semplici ma squisite e tra queste spicca “Lu Quataru”, tipica di Porto Cesareo. Si tratta di una zuppa di pesce amata dai locali e dai visitatori che giungono nella pittoresca località costiera salentina. A rendere la ricetta così buona è la varietà di specie ittiche che la compongono.

Le origini de Lu Quataru di Porto Cesareo

Le origini di questo piatto delizioso risalgono ai secoli passati, quando i pescatori stanchi cenavano con il pesce di scarto, che non sarebbe finito sul banco del mercato in quanto rovinato. Questo tipo di pesce prende il nome di “chiattisciato, ovvero il primo ad entrare nelle reti, o rosicchiato dai chiatti – organismi marini – che con l’acqua di mare subisce una sorta di “marinatura naturale”. Questa rende la carne del pesce ancora più saporita.

Nel dialetto è un piatto conosciuto anche come “Quataru ti lu pescatore” e prende il nome dal pentolone di rame utilizzato per prepararlo, la “quatàra”, ancora in uso oggi.

A differenza delle tradizioni del passato, lu Quataru di oggi vede l’aggiunta di mitili e molluschi, un tocco che ha ulteriormente arricchito il suo sapore e la sua popolarità. Inoltre, recentemente il Ministero per le Politiche Agricole, Forestali e Alimentari ha incluso la Quatara di Porto Cesareo nell’elenco dei prodotti enogastronomici tradizionali pugliesi, un riconoscimento meritato per una pietanza che incarna la storia e la cultura culinaria della regione.

zuppa-di-pesce-salentina-La-Vecchia-Osteria-Lecce

Preparazione della zuppa di pesce salentina

La preparazione di questa zuppa di pesce salentina è un processo relativamente semplice e richiede poco tempo.

Partendo dal far rosolare la cipolla nell’olio con aglio e prezzemolo. Una volta dorati aggiungi i pomodorini e la salsa di pomodoro. Quando si sarà formato il sughetto è il momento di aggiungere il pesce pulito, partendo dalle seppie, il polpo e i granchi, che hanno la carne più dura. Dopo circa cinque minuti potrai completare con gli altri pesci, cercando di rispettare i relativi tempi di cottura. Tradizionalmente, il brodo veniva allungato con acqua di mare, ma è consigliabile aspettare la fine della cottura prima di aggiungere sale. Se è nei tuoi gusti, puoi dare un tocco di piccantezza con del pepe o peperoncino fresco.

Dopo una cottura a fuoco alto per cinque minuti e a fuoco basso per altri cinque, lu Quataru è pronto per essere gustato. Noi ti consigliamo di accompagnarlo con del pane leggermente abbrustolito.

 

Ad oggi questa zuppa salentina è tutt’altro che una ricetta di scarto, è un piatto squisito da condividere con amici e parenti all’insegna della tradizione e della genuinità.

Ricette-che-uniscono-mare-e-terra-Vecchia-Osteria-Lecce

Le ricette che uniscono mare e terra, il gusto autentico della Puglia

Febbraio 28th, 2024 Posted by Cucina Tipica Salentina 0 thoughts on “Le ricette che uniscono mare e terra, il gusto autentico della Puglia”

La cucina pugliese è rinominata per l’abbondanza e la genuinità dei suoi ingredienti, che messi insieme creano piatti perfetti con cui stupire il palato. Ne sono una testimonianza tutte le ricette che uniscono mare e terra, con un risultato che racconta la storia culinaria di questo territorio.

 

Pasta legumi e cozze

La pasta con legumi e cozze è un piatto saporito tipico della tradizione “povera” del territorio pugliese. L’unione dei due ingredienti crea una ricetta saporita, che regala un’esperienza unica alle papille gustative, anche per via delle diverse consistenze che si combinano. La bellezza di questo piatto risiede nell’enorme versatilità con cui ognuno può deliziarsi in base ai propri gusti personali, a partire dalla scelta del formato della pasta: al più diffuso cavatelli si possono le orecchiette, le pipette o le linguine. Anche sulla scelta dei legumi si può preferire la versione con i ceci o con i fagioli.

Orecchiette con cime di rapa e acciughe

Piatto iconico pugliese, le orecchiette con le cime di rapa non deludono mai, soprattutto con l’aggiunta delle acciughe. Le cime, dopo essere state saltate in padella con aglio e peperoncino, vengono insaporite ulteriormente dalle acciughe. Il consiglio è di unire il tutto quando le orecchiette sono ancora al dente e lasciare terminare la cottura della pasta nel condimento. Il risultato è degno di un piatto che rappresenta l’identità del territorio pugliese anche nel resto d’Italia.

Polpo alla pignata con patate

Il famoso polpo alla pignata, se accompagnato dagli ingredienti tipici della terra – cipolle, patate e pomodori- è una vera delizia. È inoltre una ricetta che non richiede particolari passaggi, una volta messo tutto nella pignata si deve attendere che il polpo cuocia, controllando di tanto in tanto per evitare che diventi gommoso. Per gli amanti dei sapori più decisi, aggiungendo un pizzico di peperoncino il piatto avrà un tocco di carattere in più e il bis sarà d’obbligo.

Tra le ricette che uniscono mare e terra: la Taieddha salentina

Un perfetto equilibrio tra i diversi sapori e le diverse consistenze, la Taieddha entra a testa alta tra le ricette che uniscono mare e terra. Il piatto ha come ingredienti: riso, cozze, patate, pomodori e cipolla, che vengono stratificati in una pirofila e cotti al forno con uno strato finale di pangrattato. Il riso durante la cottura assorbe i sapori delle cozze, creando una ricetta avvolgente ad ogni boccone. La Taieddha è perfetta per essere condivisa con la famiglia o gli amici in un pranzo domenicale.

 

In Puglia, le ricette che uniscono mare e terra sono il risultato di una sapiente unione tra ingredienti freschi che celebrano la ricchezza del territorio. E quando si parla di sapori autentici e di tradizione non si può non menzionare la cucina di Chef Totu, sempre pronto a stupirti ad ogni assaggio dei suoi piatti.

Ti aspettiamo in Viale Francesco Lo Re, 9, Lecce

 

la-pignata-di-legumi salentina

La pignata di legumi: un piatto della cucina salentina d’altri tempi

Gennaio 19th, 2024 Posted by Cucina Tipica Salentina, Tradizioni salentine 0 thoughts on “La pignata di legumi: un piatto della cucina salentina d’altri tempi”

La giara in terracotta nel Salento prende il nome di pignata, che per estensione indica anche il metodo di cottura lento e continuo per la quale viene utilizzata. I contadini, per ripararsi dalle giornate più fredde, amavano riscaldarsi con zuppe e cibi caldi, fatti con i pochi ingredienti a disposizione, tra cui i legumi. La pignata di legumi nasce dalla perfetta combinazione tra il calore del fuoco e l’elevata capacità nutritiva di questo alimento.

Alla scoperta della pignata di legumi

In passato molte preparazioni prevedevano l’utilizzo del fuoco, e la pignata di legumi non fa eccezione. La pignata veniva posta sulla brace e lontana dalla fiamma, spesso con un altro coccio pieno di acqua per i rabocchi.

La pignata era una modalità di cottura molto lunga, durava infatti diverse ore senza mai raggiungere il bollore completo. La massaia la posizionava nel focolare e nel frattempo si dedicava al resto delle faccende domestiche. L’unica accortezza era quella di ravvivare le braci di tanto in tanto e di eliminare la schiuma formatasi dai legumi, per renderli più digeribili.

Una volta cotti, i legumi venivano versati nei piatti con un filo di olio d’oliva e accompagnati dai cosiddetti “muersi fritti” cioè piccoli pezzi di pane fritto.  La pignata di legumi era il modo perfetto per scaldarsi con gusto nelle giornate più fredde, apprezzando i frutti della terra duramente ottenuti.

Come si preparano?

Partiamo dai legumi secchi, che siano fagioli, ceci, lenticchie o misti, mettendoli in ammollo con acqua e sale grosso la sera prima della cottura.

Passato questo tempo i legumi dovranno essere lavati e scolati prima di riporli nella pignata piena di acqua, sedano, carota, cipolla e salvia. Quindi metti la pentola di terracotta sulla brace lontana dalla fiamma, insieme ad un altro recipiente colmo di acqua, e lascia cuocere lentamente i legumi. Ricorda di controllare di tanto in tanto la brace ed eliminare la patina schiumosa che si crea nel corso della cottura. I legumi non dovranno bollire ma sobbollire dolcemente e a lungo. Se necessario riempi la pignata con l’acqua calda dell’altro coccio.

Una volta pronti i legumi potrai aggiungere sale e servire nei piatti fondi o nelle ciotoline di terracotta irrorando di olio e accompagnandoli con i crostini di pane fritto.

Questa ricetta è una vera esperienza, che inizia dalla sua preparazione e va oltre il semplice atto di mangiare. Ogni boccone è un salto nel passato, dove le giornate in inverno diventavano meno fredde con un piatto genuino ma saporito e nutriente come questo.

Ad oggi si tende a riproporre la pignata di legumi cuocendoli sul normale fornello, ma Chef Totu consiglia di seguire la ricetta originale immergendosi nella cucina salentina e toccandone le radici.

Siuscelle salentine

Le sciuscelle: le polpette di pane della tradizione salentina

Gennaio 19th, 2024 Posted by Cucina Tipica Salentina 0 thoughts on “Le sciuscelle: le polpette di pane della tradizione salentina”

Di origine salentina, le sciuscelle sono polpette di pane gustose e semplici da preparare. Si tratta di un piatto che testimonia la tradizione contadina, nato dalla necessità di non sprecare nulla. L’ingrediente principale infatti è il pane raffermo avanzato nei giorni precedenti. Le sciuscelle per Chef Totu meritano di essere conosciute e gustate.

Le origini delle sciuscelle

Le origini delle sciuscelle ci riportano direttamente alla genuinità della cultura contadina di questa terra. In un tempo in cui la creatività permetteva di dare nuova vita a ciascun ingrediente, e di conseguenza lo spreco era fuori discussione. La ricetta delle sciuscelle è stata tramandata fino a giungere ai nostri giorni, in cui è ancora un piatto gustoso per le famiglie salentine. Una vera prelibatezza nata dal bisogno di non buttare nulla, anzi di creare un piatto squisito da quel poco che c’era.  È così che il pane raffermo, ingrediente base, viene impreziosito dal formaggio, dalle uova e dal profumo di prezzemolo, tutti elementi immancabili nelle dispense delle famiglie contadine. Una volta formate le polpette, vengono cotte nel sugo di pomodoro o in brodo, assumendo una consistenza soffice e un sapore prelibato.

Pochi semplici passaggi che danno vita ad una vera bontà tutta da assaporare.

Ingredienti e procedimento

Dilettati a riprodurre questa semplice ricetta, e stupisci i tuoi ospiti con il minimo sforzo. Gli ingredienti di cui avrai bisogno per le polpette e per il sugo di accompagnamento sono:

  • Pane raffermo;
  • Uova;
  • Formaggio a scelta;
  • Prezzemolo;
  • Pepe;
  • Salsa di pomodoro;
  • Cipolla;
  • Olio evo;
  • Sale.

In una ciotola apri le uova e aggiungi formaggio grattugiato e pane raffermo o, se preferisci una consistenza più morbida, mettilo in ammollo nel latte. L’impasto non deve risultare né troppo morbido né troppo denso, nel primo caso ti basterà aggiungere un po’ di farina o pangrattato, nel secondo del latte o delle uova. Una volta amalgamati questi ingredienti, è il momento di aggiungere del prezzemolo tritato e di aggiustare con sale e pepe. Forma le polpette e mettile da parte per dedicarti alla preparazione del sugo.

In una pentola fai soffriggere la cipolla con poco olio e aggiungi la salsa di pomodoro. A metà cottura aggiungi le sciuscelle e lasciale insaporire. Terminata la cottura del sugo e delle polpette è finalmente arrivato il momento di servirle in tavola.

 

Conoscevi le sciuscelle? Chef Totu ti invita a dilettarti nella loro preparazione per assaggiare un piatto salentino gustosissimo e che ti farà stupire i tuoi ospiti. Se invece hai voglia di deliziare il palato con altre ricette salentine, La Vecchia Osteria è sempre il posto giusto per farlo!

un-menu-salentino per la Vigilia di Natale

Un menu salentino per la Vigilia di Natale: i consigli di Chef Totu

Dicembre 11th, 2023 Posted by Cucina Tipica Salentina 0 thoughts on “Un menu salentino per la Vigilia di Natale: i consigli di Chef Totu”

Il Natale è alle porte, e cosa c’è di meglio per celebrare la Vigilia se non con un festoso banchetto che celebra le delizie della tradizione culinaria salentina? Chef Totu è qui per guidarti attraverso un menu salentino indimenticabile, ricco di sapori autentici che esprimono l’anima della nostra amata terra.

Antipasto

Iniziamo con un trionfo di antipasti salentini che conquisteranno il vostro palato: pittule, panzerotti e puccette, le famose 3P del Salento. Le pittule, piccoli e fragranti bocconi di impasto fritto, saranno la stella della tavola, seguite dai panzerotti, una crocchetta di patate saporita, e le puccette, piccole roselline fatte con lo stesso impasto del pane arricchito con olive. Un trittico di delizie che farà iniziare la tua cena nel migliore dei modi.

Primo Piatto

Per il primo piatto, Chef Totu propone due opzioni indimenticabili. La calamarata con frutti di mare è un piatto che esalta la freschezza e la ricchezza dei sapori del mare. Se preferisci qualcosa di più classico, invece, gli spaghetti alle cozze saranno la scelta perfetta.

Secondo Piatto

Il secondo piatto ci porta al protagonista della Vigilia: il baccalà. Chef Totu propone una preparazione che esalta la tradizione culinaria del Salento. Il baccalà sarà accompagnato da patate, stratificando tutto in una teglia con diversi ingredienti per aggiungere sapore, come i pomodori, il prezzemolo, l’olio, il sale, il pepe e, per creare una croccante crosticina, il pangrattato.

Un menu salentino completo: il dolce

A te la scelta tra il pandoro e il panettone, ma per Chef Totu non devono mancare i purceddhruzzi, piccoli bocconcini di pasta dolce ricoperti di miele e confettini colorati, e i mustazzoli, biscotti natalizi speziati e profumati, realizzati con mandorle, cacao, mosto cotto e un mix di spezie.

 

Per accompagnare la cena, scegli tra i vini di questa terra che esaltano al meglio il sapore di ciascuna pietanza.

Non può mancare un brindisi per celebrare la gioia del Natale e la bontà culinaria del Salento.

Buone Feste e buon appetito!

cicorie salentine storia e ricette

Le cicorie: una verdura simbolo del Salento

Novembre 23rd, 2023 Posted by Cucina Tipica Salentina 0 thoughts on “Le cicorie: una verdura simbolo del Salento”

Amate da Chef Totu, le cicorie sono una verdura della stagione autunnale, nonché gemma culinaria del Salento. Questa verdura a foglia verde, ampiamente apprezzata nelle cucine di tutta Italia, offre pietanze squisite, risultato della creatività applicata alla tradizione del passato.  Alcune di queste potrai trovarle in seguito.

Caratteristiche delle cicorie salentine

Le cicorie salentine, appartenenti alla famiglia delle Composite, sono notevoli per la loro varietà e versatilità. Le più comuni sono: la cicoria catalogna, la cicoria selvatica e la cicoria asparago. La loro coltivazione avviene principalmente in autunno, quando il clima fresco contribuisce a conferire alle foglie un gusto più intenso e ricco.

A conferirgli un posto nel cuore dello chef infatti è il loro sapore amaro, che si sposa perfettamente con molti ingredienti tipici del Salento. Le cicorie non aggiungono solo sapore, ma anche numerose proprietà benefiche: sono una fonte eccellente di vitamine e minerali, importanti per la digestione e la riduzione dell’infiammazione.

La storia delle cicorie: le ricette della tradizione

Le cicorie hanno radici profonde nella tradizione culinaria, e loro presenza nelle ricette del passato ne è la testimonianza.

Un’altra particolarità riguarda il modo in cui dalla natura finiscono nei piatti. Crescendo in modo selvatico, le piante di cicorie spingono i salentini più avventurieri ad organizzare delle vere passeggiate nei campi in cui cresce rigogliosa. Spesso è un’attività che riunisce amici e parenti.

Una volta raccolte è giunto il momento di dar vita ai piatti creativi della tradizione contadina. Eccone quattro:

Cicorie saltate

Il modo più semplice per gustare questa prelibatezza è saltato in padella. Una volta pulite le cicorie, eliminate le foglie danneggiate e sciacquate sotto acqua corrente, è giunto il momento di saltarle in una padella con olio e aglio rosolato. Senza coprile, falle cuocere a fuoco basso e mescola di tanto in tanto.

Quanto saranno quasi completamente cotte aggiungi a piacimento: peperoncino e olive in salamoia. Aggiusta di sale e lascia proseguire la cottura per alcuni minuti.

Chef Totu ama questo contorno perché si può gustare come piatto unico, accompagnandolo con dell’ottimo pane abbrustolito.

 

Cicorie e carne

Questa ricetta richiede tempi di preparazione piuttosto lunghi, ma il risultato è un piatto straordinario. Una volta aver lavato e pulito accuratamente le cicorie, è il momento di sbollentarle per circa cinque minuti in acqua bollente e salata.

In una pentola prepara il brodo con sedano, cipolla, carote e prezzemolo, per poi cuocere al suo interno carne di maiale a pezzi. Una volta completata la cottura, circa due ore, metti in una padella le cicorie, un filo di olio, peperoncino e la carne. Lascia cuocere per circa un’ora e quando sarà tutto ben cotto servi con una fetta di pane. Se preferisci, questo secondo piatto può diventare il ripieno squisito per una  focaccia.

 

Fave e cicorie

Fave e cicorie è probabilmente il piatto più famoso che ha come protagonista questa verdura. Per la ricetta metti a bagno le fave secche in acqua per otto ore. Dopo averle sciacquate sotto acqua corrente e lessate per circa un’ora, scolale e frullale insieme al sale, olio e un po’ di acqua di cottura.

Pulisci e sciacqua la cicoria, prima di scolarla e strizzarla. È giunto il momento di mettere tutto in un piatto: versa precedentemente la purea di fave e adagia sopra una porzione di cicorie. Non dimenticare di fare un giro di olio extravergine di oliva per dare un tocco di sapore in più.

 

Scurdijata

Per preparare la Scurdijata, inizia riscaldando abbondante olio EVO in una pentola insieme all‘aglio. Aggiungi la verdura già lessata e lasciala insaporire per circa dieci minuti. Trascorso questo tempo, unisci i legumi precedentemente cotti e lascia cuocere il tutto per altri dieci minuti. Assicurati di insaporire con la giusta dose di sale e aggiungi sapore con pepe e peperoncino. Chef Totu consiglia di affiancarlo a del pane raffermo fritto.

 

Presi singolarmente gli ingredienti della tradizione salentina sono una bontà, ma combinati in un’unica ricetta diventano un’esplosione di sapore. Chef Totu ti aspetta per farti assaggiare le vere cicorie salentine.

logo footer la vecchia osteria

Viale F. Lo Re, 9 - 73100 Lecce - P.Iva 03457290751

pagina facebook la vecchia osteria